fbpx

Nona salvaguardia - Domande di verifica del diritto a pensione e domande di pensione

22 Febbraio 2021

Con messaggio n. 195 del 18 gennaio 2021 la Direzione Generale INPS ha fornito le istruzioni relative alla presentazione delle domande di verifica del diritto per l’accesso a pensione con i benefici previsti dalla cosiddetta “nona salvaguardia” e ha comunicato l’aggiornamento della relativa procedura.Si ricorda che sono destinatari dei benefici previsti dalla “nona salvaguardia” i soggetti che maturano i requisiti per il pensionamento, vigenti prima della Riforma Monti, successivamente alla data del 31 dicembre 2011 utili a comportare la decorrenza del trattamento pensionistico - che soggiace al regime delle finestre - entro il 6 gennaio 2022 appartenenti alle seguenti categorie di lavoratori:

  •  a) autorizzati ai versamenti volontari anteriormente al 4 dicembre 2011 che possono far valere almeno un contributo volontario accreditato alla data del 6 dicembre 2011;
  • b) autorizzati ai versamenti volontari anteriormente al 4 dicembre 2011, anche senza un contributo volontario accreditato al 6 dicembre 2011;c) cessati entro il 30 giugno 2012 in ragione di accordi individuali o collettivi di incentivo all'esodo;
  • d) cessati dopo il 30 giugno 2012 ed entro il 31 dicembre 2012 in ragione di accordi individuali o collettivi di incentivo all'esodo;
  • e) cessati per risoluzione unilaterale tra il 1° gennaio 2007 e il 31 dicembre 2011;
  • f) in congedo o in permesso ai sensi della Legge n. 104/92 nel corso dell'anno 2011 per assistenza ai figli con disabilità grave;
  • g) con contratto di lavoro a tempo determinato o in somministrazione a tempo determinato, cessati dal lavoro tra il 1° gennaio 2007 e il 31 dicembre 2011, con esclusione del settore agricolo e dei lavoratori con qualifica di stagionali.

l’Istituto precisa che alcune tipologie di lavoratori sono tenuti a presentare istanza secondo le procedure previste con decreto del Ministro del Lavoro e delle politiche sociali 14 febbraio 2014  secondo modalità da definire e che, pertanto, la domanda di verifica presentata all’INPS, utilizzando la suddetta procedura, non sostituisce quella che deve essere presentata alla sede dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro territorialmente competente.

Per informazioni Ufficio Patronato Caff Stefano Tosi  0573/937843  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.