Pensioni, anomalie nelle operazioni di rinnovo 2020

PISTOIA - Problemi nelle operazioni di rinnovo delle pensioni per il 2020.

Lo comunica la Direzione generale dell'Inps. 

Durante le operazioni di rinnov, infatti, si è verificata un’anomalia che ha riguardato circa 100.000 trattamenti pensionistici, il cui importo è compreso tra 3 e 6 volte il trattamento minimo e già oggetto dell’attribuzione della rivalutazione ai sensi della sentenza della Cortecostituzionale n. 70 del 2015. 

Su queste pensioni, l’incremento derivante dall’applicazione della sentenza 70/2015, non è stato ricompreso nell’importo lordo della pensione stessa per cui l’importo mensile di dicembre 2019 è risultato inferiore a quello effettivamente spettante per circa 10,00 euro lordi mensili; la rivalutazione da attribuire per l’anno 2020 è risultata inferiore al dovuto; si è generato un debito per l’anno 2019, il cui recupero è stato impostato in due rate con trattenute sulle mensilità di gennaio e febbraio 2020.  

L’anomalia ha riguardato alcune decine di migliaia di pensioni che sono state già individuate e per le quali l’Inps sta provvedendo al dovuto ricalcolo con una apposita lavorazione centrale.
Dal mese di febbraio 2020, sarà pertanto ripristinato il pagamento dell’importo corretto e verrà restituito quanto già recuperato sulla mensilità di gennaio 2020.
La Direzione centrale pensioni dell'Inps, ha inoltre provveduto ad informare tempestivamente le proprie strutture territoriali invitandole, in caso di segnalazione diretta da parte degli interessati, a procedere autonomamente al ricalcolo delle pensioni senza quindi attendere l’elaborazione centrale.

 

 

SFOGLIA ON LINE

GUIDA ALLE CONVENZIONI 2019

CARTA SERVIZI

ESPORTIAMO

banca del monte di lucca