E' morto Giovanni Fedi, una delle anime dell'associazione. Confartigianato in lutto

PISTOIA – Con la scomparsa di Giovanni Fedi, Confartigianato Imprese Pistoia perde un punto di riferimento fondamentale.

Per l’associazione non è solo una perdita dolorosissima sotto il profilo umano, con lui se ne va un pezzo fondamentale di Confartigianato. Fino al 2006, è rimasto presidente onorario della categoria Contoterzi (una carica istituita appositamente per lui), la cui presidenza aveva lasciato nel 2004.

“Giovanni – racconta Simone Balli, presidente di Confartigianato Imprese Pistoia – è la storia della nostra associazione, sempre presente nei passaggi fondamentali del nostro movimento, a partire dalla scelta della sede di Sant’Agostino. Se n’è andato ma ha lasciato una traccia indelebile del suo percorso imprenditoriale e sindacale. Ha fatto crescere intere generazioni di giovani dirigenti, a partire dalla categoria Contoterzi che lui ha amato intensamente. In questo momento siamo vicini alla famiglia”.

Giovanni Fedi avrebbe compiuto 83 anni il 19 dicembre prossimo. Viveva a Badia che non era solo il paese dove era nato, ma il suo luogo dell’anima, che amava profondamente; per molti anni è stato presidente della Festa di Badia.

Da imprenditore aveva una dote rara: il suo sguardo puntava lontano riuscendo a capire prima di altri cosa sarebbe successo. Epici i suoi scontri col Ministero delle finanze per la tutela della categoria dei tessitori alla quale era legatissimo; in prima linea sulle tariffe di tessitura. Non a caso gli imprenditori lo consideravano “naturalmente” la loro guida.

“Giovanni – aggiunge Balli - riusciva sempre a capire il senso delle esigenze della propria categoria. Aveva il sindacato nell’anima”.

Fedi non si sottraeva al confronto anche duro, aspro. Fu il primo a denunciare il pericolo della presenza cinese a Prato, a spiegare con largo anticipo, quello che sarebbe accaduto. E non si sottrasse nemmeno alla polemica con gli industriali pratesi che lui accusava di pensare più alla finanza che al futuro delle loro aziende.

 

La salma è esposta da stamani nell’abitazione di Badia. I funerali si svolgeranno domani, mercoledì 29 settembre, alle 10 nella chiesa di Badia.

SFOGLIA ON LINE

 

CARTA SERVIZI 2016

ESPORTIAMO

banca del monte di lucca